Una passeggiata tra storia e panorami d’autore nel centro storico di Cefalù, meta d’elezione del turismo siciliano durante tutto l’anno

L’Italia è il primo paese al mondo per numero di patrimoni dell’Umanità UNESCO: ben 55 siti, un record che non ha eguali. Tra i siti che hanno consegnato al Bel Paese questo riconoscimento c’è ancheil Duomo di Cefalù, una delle più belle località della Sicilia, dove trascorrere una vacanza d’estate all’insegna di cultura, bellezza, mare e sapori.

Sai perché la Cattedrale della Trasfigurazione, con la sua straordinaria architettura, viene visitata ogni anno da decine di migliaia di turisti? Perché è la perfetta sintesi dello “stile siciliano”, che rende inconfondibile questo edificio. Il Duomo fu costruito, secondo la leggenda, dopo che il ReRuggero II sfuggì a una tempesta approdando sulla spiaggia di Cefalù.

Aveva chiesto a Dio la salvezza per lui e il suo equipaggio: una volta toccata terra, decise che quel voto andava rispettato. Dopo un paio di mesi, il giorno di Pentecoste, tutta la corte era a Cefalù per la posa della prima pietra. Da quell’episodio sarebbe nata una delle chiese più visitate (e fotografate) di tutta l’isola. Quando te lo trovi davanti per la prima volta, non puoi che rimanere a bocca aperta per l’imponenza di questo edificio. Lo stile è semplice, ma lo sviluppo verso l’alto con le due torri e la scalinata che porta all’ingresso non rimangono certo inosservate.