È uno dei Paesi più grandi e popolosi d’Europa ma, soprattutto, è particolarmente attento alle politiche di sviluppo e mobilità sostenibile. Non stupisce, quindi, che la Germania possa essere considerata un vero paradiso per quanti amino la bicicletta come mezzo di locomozione sia durante gli spostamenti quotidiani, sia per godersi una vacanza attiva.

Il cicloturismo in Germania può contare su oltre 70.000 chilometri di rete ciclabile e tanti tracciati che ricadono all’interno del progetto Eurovelo. Molte sono, poi, le ciclabili che costeggiano fiumi e coste, per godere di una vacanza a tutta pedalata.

Ciclabile del Meno

5 stelle. La perfezione, almeno secondo la Federazione tedesca dei ciclisti, per quanto riguarda il Percorso ciclabile del Meno, uno dei principali fiumi della Germania, che ha due sorgenti: quella del Meno Rosso (presso Creußen) e quella del Meno Bianco (presso Bischofsgrün).

Percorrere la ciclabile del Meno fino a Magonza – 600 km in tutto – significa pedalare lungo un tragitto quasi completamente pianeggiante, dunque adatto anche ai meno allenati, ma soprattutto godere di paesaggi da sogno.

Tra i punti più interessanti, la città di Bamberga, la Foresta Francone, la zona vinicola della Franconia, la valle del Tauber, la città di Würzburg, il castello di Aschaffenburg.

Ciclabile_Meno
Würzburg, fortezza di Marienberg © DZT – Francesco Carovillano

Ciclabile del Reno

1.233 chilometri, di cui quasi mille in Germania, sono la percorrenza record della Ciclabile del Reno, che segue tutto il corso del fiume da Andermatt in Svizzera fino a Rotterdam, nei Paesi Bassi.

Volendo rimanere unicamente in territorio tedesco, il percorso parte da Costanza e si conclude ad Emmerich am Rhein, toccando, tra le mete più interessanti, Spira, Magonza, la valle del Medio Reno, Colonia e Düsseldorf.

Il percorso attraversa città e regioni ricche di monumenti riconosciuti dall’UNESCO patrimonio dell’umanità, di castelli, colline vinicole e di posti dove provare la cucina tipica; con lo sguardo rivolto al fiume, poi, è una ciclabile adatta soprattutto a turisti innamorati e romantici!

Ciclabile della Mosella

Breve (insomma), ma intenso. Il percorso della Ciclabile della Mosella, 250 chilometri in tutto, permette di ammirare alcuni dei luoghi più interessanti della Germania occidentale, come Treviri o Coblenza (dove si può proseguire lungo il Reno).

Il percorso della Mosella si caratterizza per il suo tracciato ricco di curve e pendii dove pedalare tra i tanti vigneti: un paesaggio idilliaco dove fermarsi, di tanto in tanto, per gustare i buoni calici tedeschi.

Ciclabile dell’Elba

È il percorso preferito dai ciclisti tedeschi e non è difficile capire perché. La Ciclabile dell’Elba, con i suoi 840 chilometri, trova il suo punto di forza nella grande varietà.

Interessanti città (Dresda e Amburgo in primis, ma anche Wittenberg e altre) e affascinati paesaggi, come quello del Parco nazionale della Svizzera Sassone con bizzarre formazioni rocciose o quello della riserva della biosfera dell’UNESCO “Paesaggio fluviale dell’Elba”, fanno di questo percorso pianeggiante una gioia per gli occhi.

Si arriva infine, pedalando verso nord, a Cuxhaven, sul Mare del Nord, dove il fiume sfocia in un estuario che, nel suo punto più largo, raggiunge i 15 chilometri.

Ciclabile del Weser

Dalle morbide colline della Germania centrale fino alle lunghe distese sabbiose del Mare del Nord, la Ciclabile del Weser si apre in oltre 500 chilometri (e sei regioni) di percorso pianeggiante, ideale da percorrere per intero fino a raggiungere Cuxhaven, dove ci si collega al percorso della Ciclabile dell’Elba, o, se si ha meno tempo a disposizione, nei suoi punti più scenografici.

Meritano certamente attenzione Hameln, con splendide case a graticcio, e la bella Brema, città anseatica e dei musicanti.

Ciclabile_Weser
Hameln lungo il Weser © Weserbergland Tourismus e.V. – Marcus Gloger

Per maggiori informazioni è possibile consultare la sezione del sito Germany.travel dedicata al cicloturismo.

Credits foto apertura: In bici nella valle della Mosella © DZT – Guenter Standl