Da Santo Domingo a Salcedo, lungo i percorsi dell’arte di strada in Repubblica Dominicana

Chi decide di concedersi un viaggio all’insegna dell’arte e della cultura, spesso sceglie destinazioni ricche di musei, monumenti e gallerie d’arte. In questo senso la Repubblica Dominicana non fa eccezione, anzi: sono tantissimi i musei da non perdere come il Museo de Las Casas Reales, il Museo Nazionale Archeologico di Altos de Chavon e la Casa de la Cultura.

È nelle strade, tuttavia, che l’arte in Repubblica Dominicana si fa viva e si colora di nuovi toni: la piccola perla dei Caraibi ha conosciuto una diffusione sempre maggiore e sempre più capillare di murales urbani, che l’hanno resa un’autentica terra della street art.

Ma quando inizia questo profondo legame tra Caraibi e street art? Pare che le origini di questo particolare movimento artistico siano da ricercare soprattutto a partire dagli anni Quaranta. Se in Messico tutto era cominciato tempo prima, già all’inizio del XX secolo, c’è voluto qualche anno in più perché riuscisse ad arrivare e ad affermarsi anche in Repubblica Dominicana. Identici, tuttavia, i temi delle pitture murali, con raffigurazioni di denuncia e principalmente legate all’attualità socio-politica. Tra i protagonisti del muralismo dominicano della prima ora meritano un cenno a parte nomi come il grande José Vela Zanetti (considerato il fondatore della street art in Repubblica Dominicana), Antonio Guadalupe, Claudio Espejo, Omar Puente, Carlos Hinojosa, Cándido Bidó, Jesús Desangles, Ed Vásquez, Leslie Jiménez ed Eligio Pichardo. Le loro opere sono ancora oggi testimoni dell’epoca in cui vennero realizzate e del tempo che passa, continuando ad adornare antichi palazzi e sedi di istituzioni pubbliche.

Sono state le loro opere ad aprire la strada a quello che è il fenomeno della street art in Repubblica Dominicana oggi, che continua ad abbellire e a riqualificare zone e città dell’isola quasi regalando loro una seconda, coloratissima vita.

Il nostro viaggio alla scoperta della street art in Repubblica Dominicana non può che partire dalla sua magnifica ed effervescente capitale. Santo Domingo, la cui fama turistica è in costante crescita grazie ad un’offerta che si fa di anno in anno sempre più nutrita e variegata, è il punto di partenza ideale per scoprire come la pittura murale abbia trasformato il volto della Repubblica Dominicana.

Avenida Duarte o le vie adiacenti a Villa Francisca sono tra le più ricche di scenografiche pitture che prendono il posto di facciate anonime, tutte capaci di attirare lo sguardo e l’attenzione dei visitatori che – naso all’insù – ne rimangono estasiati. Dietro queste vere e proprie opere d’arte a cielo aperto ci sono firme diverse, come quella di Evaristo Angurria, Dovente, Kilia Llano, Poteleche, Los Plebeyos e Gabz, street artist del momento che a Santo Domingo esprimono al meglio il loro talento e la loro creatività.

Continuiamo il nostro itinerario e facciamo tappa nel piccolo comune di Salcedo, dove le facciate delle case e degli edifici cittadini sono decorate da… farfalle. Sono loro le protagoniste indiscusse delle opere d’arte che abbelliscono le strade di Salcedo perché sono il simbolo dell’intera provincia, in memoria delle tre sorelle Mirabal, martiri che lottarono contro la violenza del dittatore Trujillo.

Salcedo fa del resto parte della cosiddetta Ruta de los Murales, un percorso che si snoda nella sua provincia omonima e che, oltre a Salcedo, comprende i comuni di Villa Tapia e Tenares. In questi tre comuni le strade sono state abbellite dalle opere murali di più di 120 artisti che hanno creato degli straordinari e impressionanti mondi a colori unici nel loro genere.

In questo percorso tra i colori della street art in Repubblica Dominicana, non possiamo non percorrere un’altra strada dei Murales: è la Ruta Cultural de Murales, un viaggio all’insegna della cultura, delle tradizioni e dei colori delle opere artistiche urbane che fa tappa anche a Santiago de los Caballeros. È qui che si trovano capolavori della street art come il gigantesco murales di Fefita la Grande in Calle Independencia, tra i più noti del percorso e dalle dimensioni impressionanti.

L’amore, la terra, la natura, la musica e la storia: sono loro i temi intorno ai quali ruotano le opere d’arte a cielo aperto della Ruta Cultural de Murales, e che regalano al visitatore un’esperienza immersiva ed emozionante che svela un volto inedito – e certamente coloratissimo – della Repubblica Dominicana.