A volte l’incanto dei luoghi risiede nel passeggiare come se il tempo si fosse fermato, sedendosi in un angolo senza voler proseguire il suo cammino.

Visiterai angoli così ben conservati che ti sembrerà di camminare nella storia come se il tempo si fosse fermato. I capolavori dell’architettura ti attendono, mentre le antiche tradizioni ti trascineranno in un mondo dove vecchio e nuovo convivono.

Nel paradiso per le vacanze che è Tenerife, storia, arte e cultura sono fondamentali. Il nord dell’isola ospita i centri storici più interessanti, ovvero San Cristóbal de La Laguna (Patrimonio dell’Umanità UNESCO), Garachico o La Orotava. Icod de los Vinos e Los Silos meritano parimenti una fermata per ammirare la sua bellezza.

Insomma, Tenerife non è solo una terra di mare, sole e spiagge!

San Cristobal de la Laguna

Le bellezze architettoniche di San Cristobal de la Laguna

A dieci chilometri da Santa Cruz de Tenerife, la capitale dell’isola, si trova San Cristobal de La Laguna, gioiello architettonico dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1999 come “esempio unico di città coloniale non fortificata”.

Conserva quasi intatto il tracciato originale del XV secolo, che già il maestro Leonardo Torriani aveva disegnato nella sua carta di La Laguna. È stata punto di riferimento per la pianta topografica e architettonica di varie città coloniali americane, come L’Avana Vecchia, Lima o Cartagena de Las Indias, con le quali condivide l’aspetto estetico delle case e delle strade.

Le strade più importanti del centro di La Laguna sono pedonali. La rinnovata Cattedrale, la Chiesa della Concepción, il Reale Santuario del Santissimo Cristo di La Laguna (che ospita l’immagine della scultura nera del Santissimo Cristo), la Plaza del Adelantado, il Palazzo de Nava o la Casa dei Capitani sono soltanto alcuni degli edifici che vorrai inserire nel tuo itinerario. Le strade sono vivaci, piene di negozi, caffetterie e taverne, luoghi ideali in cui comprare o riposare un attimo con un buon caffè o un lauto pranzo.

Si possono prenotare presso l’ufficio turístico le visite guidate gratuite agli edifici più emblematici. Puoi visitarli anche da solo, seguendo i tuoi ritmi.

La Orotava

Cupole ed edifici storici a La Orotava, Tenerife

Avvicinandosi a La Orotava dall’autostrada del nord è già possibile ammirare le meravigliose cupole delle sue chiese, preludio alle bellezze che attendono il visitatore una volta arrivato. Il centro è grazioso e accogliente, con le sue strade lastricate. Dichiarato complesso storico-artistico, l’itinerario conduce a luoghi quali la Chiesa della Concepción, l’eremo del Calvario, la Chiesa di Sant’Agostino, il Liceo Taoro o l’ex convento di San Benito Abate.

Un modo di scoprire un altro aspetto di La Orotava è quello proposto dalla Via dei Mulini, che ha inizio nella cosiddetta Villa de Arriba. Si tratta di un itinerario attraverso i nove mulini ad acqua costruiti tra XVII e XVIII secolo. Alcuni conservano ancora gli antichi canali in muratura attraverso i quali circolava l’acqua.

Garachico

Veduta notturna di Garachico, a Isla Baja, Tenerife

Entrando la zona nordest di Tenerife, nota come Isla Baja, Garachico è un pittoresco paesino che molti considerano come uno dei più belli dell’isola. Fu fondato nel 1496 da un mercante genovese, Cristoforo de Ponte, e da allora vi fiorirono le chiese e i bellissimi palazzi signorili che vi si conservano intatti. L’eremo di San Rocco, l’ex convento de San Domenico da Guzmán, l’antico convento di San Francesco o la Tenuta El Lamero: ecco alcuni luoghi assolutamente da non perdere. La meraviglia di questo paese risiede anche nella sua atmosfera rilassata, un richiamo a sedersi nelle sue piazze, come quella della Libertà, la Plaza de Abajo e la Plaza de Las Lonjas.

Dopo questo momento di relax, il percorso che proponiamo prevede la Casa del Marchese della “Quinta Roja”, la Casa di Pietra o quella dei Conti della Gomera e il Parco dell’Antica Porta de Tierra. Da vedere sono sicuramente anche la Chiesa Madre di Sant’Anna e il castello-Fortezza di San Michele.

Garachico è un complesso storico con numerosi riconoscimenti, come quello di Bene di Interesse Culturale e la Medaglia d’Oro delle Belle Arti, consegnata nel 1980.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale.